(IN) Netweek

MILANO

Insidie e bellezze dei fuoristrada: tutti i segreti Trazione integrale, sospensioni differenziate, scocca solida e passo rialzato per superare guadi e asperità; occhio alla velocità che non dev’essere mai esagerata

Share

La lente dello Speciale Motori sui fuoristrada: vere e proprie auto d’assalto in grado di affrontare qualsiasi asperità. Ma cosa differenzia una normale jeep da un vero mezzo da rally? Innanzitutto la trazione a quattro ruote, l’altezza da terra maggiorata, le sospensioni separate per migliorare la capacità di guado.

Le auto fuoristrada, oltre ad avere una struttura più solida rispetto alle altre vetture, hanno le importanti caratteristiche che ne garantiscono la manovrabilità anche nelle condizioni più difficili. Ognuna di queste caratteristiche è a suo modo importante e fondamentale per ottenere la mobilità necessaria. Per quanto riguarda le dimensioni, ci sono quattro tipologie di fuoristrada per altrettante categorie: piccole, medie, station wagon e pick-up.

Nel primo gruppo sono compresi i veicoli di piccola cilindrata rappresentati sia dalle normali vetture 4x4 che dai mini- fuoristrada (soprattutto giapponesi); nel secondo sono raggruppati i tradizionali fuoristrada più diffusi sul mercato; nel terzo ci sono i modelli la cui lunghezza oltrepassa i quattro metri; nel quarto vengono classificati i veicoli a trazione integrale che possono essere impiegati in svariate attività lavorative grazie al cassone di carico e al notevole spazio disponibile.

Nell’ambito di ogni veicolo, inoltre, si rivela determinante anche l’altezza minima da terra, valutata generalmente in prossimità del margine inferiore del differenziale. Un particolare non di secondaria importanza: le sospensioni delle vetture devono essere preferibilmente differenziate per aderire al meglio alle asperità del terreno accidentato.

Per chi guida, sarà meglio ricordare che la velocità dev’essere sempre moderata, senza lasciarsi sedurre dal tentativo di emulare le imprese dei protagonisti dei rally, ma comunque sostenuta per evitare di ritrovarsi impantanati in una pozza di fango o al centro di un guado.

Per il resto, la particolare resistenza delle vetture già di per sé è garanzia di durata e di sicurezza per gli occupanti.

Leggi tutte le notizie su "Il Giornale dei Navigli"
Edizione digitale

Autore:ces

Pubblicato il: 06 Ottobre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.