(IN) Netweek

ASSAGO

Grattacapi per Musella dalla Corte dei Conti e per le dichiarazioni in tv

Share

È nato negli ultimi giorni il “caso cimitero” sul territorio assaghese. Detto così, sembra l’incipit di un film horror, in realtà ci riferiamo a quanto ci è stato rivelato, settimana scorsa, dai tre consiglieri della lista “Raimondo per Assago” Domenico Raimondo , Emilio Duminuco , Donato Santobuono . In una lettera, infatti, ci avevano raccontato una storia, ripresa negli scorsi giorni anche da organi di stampa nazionali. Ma partiamo dal principio, ovvero riprendiamo quello che a tutti gli effetti è stato il punto di partenza delle vicende di questi giorni. L’attuale sindaco di Assago, Graziano Musella , nelle scorse settimane si era impegnato in una sorta di autocelebrazione di sé, durante la messa in onda della trasmissione televisiva “L’Arena” di Massimo Giletti . Era infatti stato invitato come ospite, per raccontare la sua storia politica recente e per mostrare come avesse fatto a rendere liberi i propri cittadini dalle tasse locali. Alcuni maligni hanno definito questa sua comparsa come il primo capitolo della campagna elettorale: non tanto quella locale, che lo sta fisiologicamente vedendo poco impegnato in vista delle amministrative 2014 in quel di Assago, quanto quella per un futuro posto da parlamentare in una delle future legislature politiche. Quel che è certo ed oggettivamente riscontrabile è che l’apparizione alla trasmissione “L’Arena” abbia portato a diverse reazioni. Riprendendo quanto scritto sopra, la prima è stata per l’appunto la lettera dei tre consiglieri comunali Raimondo, Duminuco, Santobuono, i quali ci avevano raccontato del “percorso” compiuto da 514.000€: prima entrati nelle casse comunali a fine anno 2011 grazie all’acquisto, da parte di un’impresa edile, di tre cappelle cimiteriali, poi “fuoriusciti” nel gennaio 2012 a causa del passo indietro dell’impresa stessa, che ha chiesto la restituzione dei soldi formalmente spesi non più tardi di dieci giorni prima. Riguardo a questa vicenda, la Corte dei Conti ha aperto un procedimento d’indagine, ancora in corso. Per il sindaco Musella, che sulla questione delle cappelle cimiteriali si è detto “sereno per aver agito nel rispetto delle leggi e per aver rispettato il Patto di Stabilità nell’anno 2011” , non è però finita qui. Il primo cittadino di Vanzago Roberto Nava , infatti, ha sottolineato l’inopportunità della comparsa televisiva di Graziano Musella: “Mi sono sentito mortificato e umiliato come sindaco, ma soprattutto mi sono sentito preso in giro da un collega che ricopre la mia stessa carica” si legge nella lettera, “perché la spending review e la razionalizzazione la stanno facendo tanti sindaci, ma tu (Musella, ) hai omesso che nel tuo comune incameri oltre 5 milioni di euro dal centro commerciale e direzionale” . Nava ha proseguito evidenziando che in questo modo “hai fatto credere che nei comuni, se si eliminano gli sprechi, si possono non far pagare troppe tasse locali” e che nonostante “io come molti altri abbia davvero fatto la spending review nel mio territorio con 23 dipendenti per 9.100 abitanti (…) non riesco a trovare i soldi per tappare le buche nelle strade e sui marciapiedi, mentre tu riesci a recuperare circa 500mila euro per realizzare una statua di bronzo da mettere nel centro del tuo paese” . Infine, Nava ha concluso con un duro attacco: “ Avrei preferito che tu spiegassi la particolarità del tuo comune, e questo lo sai perfettamente. Invece hai voluto farti bello screditando il lavoro sempre più difficile dei tanti tuoi colleghi sindaci, me compreso” .Graziano Musella, per contro, ha voluto replicare: “Mi dispiace che il sindaco di Vanzago non abbia capito il mio intervento. Quello che ho detto è che non devono essere le amministrazione comunali a trovare il modo per scontare o non far pagare l’Imu ai propri cittadini, ma che deve essere lo Stato a reperire le risorse per non gravare ulteriormente sui contribuenti” .

Leggi tutte le notizie su "Il Giornale dei Navigli"
Edizione digitale

Autore:ces

Pubblicato il: 24 Gennaio 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.